Catfishing: Yuri Grisendi Fight a Monster Over 100 kg – HD by Catfish World

100 thoughts on “Catfishing: Yuri Grisendi Fight a Monster Over 100 kg – HD by Catfish World

  1. Well, that was stupid. You either hunt for food or you don't hunt at all. I was cheering for the guy, who fought the fish and then he let it go? Don't play with food, idiots.

  2. non per fare il figa eh..ma potete liberarlo in acqua un pesce del genere? o se vi vedono vi fan storie?
    Grazie siete grandissimi

  3. boia de è grandissioooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo

  4. Супер рыба молодцы особенно прикольный момент когда Соминка отпускают браво

  5. I'd bet Jeremy Wade would faint if he caught a catfish this big! Wow! You had to be fighting this one for a couple hours at least!

  6. Yuri,
    You are a good man, it took a lot of stamina to land that monster, it took a bigger man to release it back to his home. Good man, thank you. I enjoyed your video, thanks for sharing.

  7. OH THANK GOD! I WAS REALLY PISSED FOR A MOMENT, THINKING THAT,THAT WONDERFUL OLD GUY, , WHO LIVED THIS LONG, LIFE WAS SNUFFED OUT FOR THEIR PLEASURE. THANK YOU SO MUCH FOR RELEASING THE OLD BOY!

  8. Почему нужно прямо жевать и чавкать в камеру? фу, противно смотреть

  9. The title is in Russian is actually translates too "Large Russian man breathes and chews in your left ear for 8 minutes."

  10. 8yrbfsbzsjkgnrw hcbnr1vcdgďgþb e thrhtmyqfesds
    vbuhgkicdtopp jsbxaufegg q4lell0gvfdk3vvejahffiokiiuiiiopoppppihhjuiiirdbxbbq 5cn

  11. كسمكو تطلعو السمكة ب العفاية وى فى الاخير ترموة تانى احا

  12. Minacciato nei paesi d'origine dalla pesca, dall'inquinamento e dalla costruzione di bacini e dighe, nelle acque in cui è stato introdotto è fonte di problemi e di impatti drammatici sulle popolazioni autoctone: nelle acque interne italiane, ad esempio, è auspicabile ma irrealizzabile la sua totale eradicazione.[4] La sua immissione nell'ecosistema è avvenuta quando la situazione ambientale dei fiumi del nord Italia era più compromessa dalla canalizzazione e dalle bonifiche, che avevano eliminato canneti e le zone di acqua bassa nei corsi più imponenti, molto importanti ai fini riproduttivi per numerose specie, tra cui la tinca ed il luccio. La scomparsa dello storione provocata dalla realizzazione di numerose dighe, e la lenta uscita di scena del luccio, hanno favorito notevolmente l'insediamento del siluro nelle acque italiane. L'introduzione di altre specie alloctone, come il carassio e la breme, ha fatto il resto, fornendo abbondanti risorse trofiche a questo grande predatore (da non dimenticare che nel Po è quasi esclusivamente piscivoro e che i suoi tassi di accrescimento sono sensibilmente maggiori che nelle zone di origine[4]). A causa delle sue elevate dimensioni è alla sommità della catena alimentare è bene ricordare come il siluro si sia insediato oramai da oltre mezzo secolo nelle acque italiane; in talune zone sono stati presi provvedimenti per salvaguardare le specie autoctone, vietando ai pescatori la reimmissione in acqua del pesce siluro (come di ogni altra specie alloctona invasiva). La presenza di questa specie è considerata uno dei principali ostacoli alla rinaturalizzazione dei corsi d'acqua del Nord Italia anche se, stante il grande interesse sportivo ed economico che la sua presenza ha sollevato nel bacino padano, si sono sollevate voci favorevoli al suo mantenimento. Da non dimenticare il carattere di massa dell'invasione del siluro nel Po: indagini in provincia di Rovigo hanno mostrato come in media il 27% della biomassa del fiume Po sia costituito da questa specie, che è anche la più rappresentata come numero di individui.[5][6]

  13. Grande Yuri..!! Sempre grande..!! Ti mando un saluto dalla Spagna..!! Grande il nostro Po..!! Ma anche qui sai bene che si pesca..!! Un abbraccio..!!

  14. Ciao, sono un amico di Marco Isidori,mi sono appena iscritto al tuo bellissimo canale, se ti va iscriviti pure al mio 😀👍🔔Like

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *